di Luca Mazzara

Reti idriche digitali per la riduzione delle perdite Sfida per la sostenibilità

SGUARDO AL FUTURO 18 lug 2022

La sostenibilità al centro, grazie alla digitalizzazione delle reti e al riutilizzo delle acque depurate. È da anni ormai che Acque Veronesi ha messo la digitalizzazione delle reti idriche in cima alla lista dei suoi obiettivi, attraverso sistemi di misura e appositi software in modo tale da avere reti intelligenti, distrettualizzate e interconnesse tra di loro. Con un risultato finale che avrà un doppio beneficio che si tradurrà sia in termini di servizio che di minor perdite, per consentire all'azienda di offrire un miglior servizio riducendo non solo i consumi ma anche le perdite idriche. Investire in sostenibilità costituisce quindi per Acque Veronesi una scelta strategica, frutto della consapevolezza del ruolo primario che l'ambiente riveste per la salvaguardia della nostra salute. Per l'azienda che gestisce il servizio idrico integrato guidata dal presidente Roberto Mantovanelli è «fondamentale porre attenzione a tutto quello che influenza la qualità e la quantità di acqua che viene preleva dalle falde e distribuita nelle case dei veronesi. Conservare l'ambiente naturale è quindi un preciso impegno per Acque Veronesi che viene attuato con un insieme di azioni concrete volte ad innovare i processi» Significativo, in questa direzione, il sistema di attività complementari intraprese dell'azienda partecipata scaligera per la riduzione delle emissioni di CO2 che nel 2021 ha portato Acque Veronesi a ridurre le emissioni indirette del 14 per cento rispetto al 2020 e del 25 per cento rispetto al 2019. La responsabilità verso l'ambiente implica lungimiranza e scelte in prospettiva, da realizzarsi ora con investimenti che possano rendere il servizio futuro migliore e più sostenibile. Per questo Acque Veronesi ha confermato nella digitalizzazione delle reti uno dei punti cardine per lo sviluppo della sua attività già da alcuni anni. Si tratta di applicare all'intero sistema strumenti di misura e avanzati software che permetteranno una migliore gestione e un trasferimento dati più efficiente, fornendo informazioni tempestive sugli impieghi, in modo altamente dettagliato. Ciò si tradurrà in una diminuzione dei consumi e, soprattutto, una riduzione delle perdite idriche. L'obiettivo principale è quello di ottimizzare il servizio ed attuare una trasformazione digitale dei processi e del flusso informativo, cui conseguiranno efficientamento energetico, riduzione dei costi di gestione, pianificazione di manutenzione ed investimenti ancor più oculata. Ma oltre alla digitalizzazione delle reti l'azienda scaligera guidata da Mantovanelli punta forte anche sulla depurazione e riutilizzo delle acque ripulite. Proponendo nuovi progetti per l'essicamento dei fanghi, che consentirebbero di ridurre una delle principali voci di costo del servizio di depurazione. .

Un progetto di
Main partner
Partner
Media Partner