Di Francesca Lorandi

Lo sviluppo sostenibile di Verona: la maratona su sito, social e tv

Athesis Sustainability Day 19 mag 2021
Verona vista dall'alto Verona vista dall'alto

Analizzare la situazione attuale, le lacune, le criticità, soprattutto le potenzialità. E da lì partire, per tracciare un percorso che porti Verona ad essere una città più sostenibile, sotto il profilo ambientale, economico, sociale.

È questo il traguardo al quale aspira il nuovo ambizioso progetto che il Gruppo Athesis ha deciso di avviare nei territori nei quali è presente con le sue testate. Un percorso che prende il via, con l’Athesis Sustainability Day, una maratona online di otto ore nella quale si susseguiranno gli eventi di Verona, Brescia e Vicenza diffusi in streaming sui siti e sulle pagine Facebook delle testate larena.it, ilgiornaledivicenza.it e bresciaoggi.it.

 

“Questo progetto”, commenta Matteo Montan, ad del Gruppo Athesis, “rappresenta un’ulteriore, importante fase nella transizione del nostro storico gruppo editoriale in moderna multimedia company, sempre più vocata a iniziative che mirano a informare il territorio, ma anche a stimolarne lo sviluppo soprattutto su temi come futuro, educazione e sostenibilità che riguardano le nuove generazioni”.

Nel corso del progetto saranno realizzate iniziative speciali in collaborazione con alcuni degli autori internazionali di Neri Pozza. “È da qualche anno”, afferma Giuseppe Russo, direttore della casa editrice, “che il tema della sostenibilità è entrato di prepotenza nei programmi delle case editrici e nel dibattito culturale. Importanti scrittori, come Amitav Ghosh ed Elizabeth Kolbert, hanno scritto opere fondamentali sull’argomento. Il più noto magazine culturale del mondo, il “New Yorker”, ha raccolto in un volume intitolato “Terra fragile” 30 reportage sul tema, scritti da affermati autori, dalla stessa Elizabeth Kolbert a Jonathan Franzen, che Neri Pozza pubblicherà nel corso dell’anno”.

L’appuntamento “Agenda Verona – Idee per lo sviluppo sostenibile” è per giovedì 20 maggio alle 11 sul sito larena.it e sulla pagina Facebook del quotidiano, mentre la sera alle 21.15 l’evento sarà proposto da Telearena.

“A Verona otto aziende su dieci hanno varato progetti legati alla sostenibilità, un record in Italia”, ricorda Maurizio Cattaneo, direttore de L'Arena. “Ci sembra quindi giusto e importante”, aggiunge, “dare la risonanza che merita a una scelta che non riguarda solo l'ambiente, l'organizzazione del lavoro, la parità di genere ma diventa fonte di sviluppo e nuovo business per l'impresa stessa e il territorio”.

Cattaneo si alternerà alla conduzione insieme al direttore di Telearena Mario Puliero, a Luca Mantovani e Paolo Dal Ben, rispettivamente vicecaporedattore responsabile di cronaca e provincia e caposervizio dei settori economia e web de L’Arena. A dare il via all’evento sarà Evelina Tacconelli, professore ordinario e direttore Uoc Malattie infettive e tropicali dell'Azienda ospedaliera universitaria integrata, che interverrà sul tema della parità di genere. E poi il ruolo delle città nella transizione economica con Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, e con un focus sul percorso che Verona deve iniziare per diventare carbon neutral, illustrato dal project manager Area studi e ricerche della stessa Fondazione, Massimiliano Blenati. Un percorso che deve passare da una mobilità sostenibile, come spiegherà Diego Cattoni, amministratore delegato di Autostrade del Brennero.

Il talk show, cuore dell’evento, vedrà confrontarsi quattro attori che giocheranno un ruolo fondamentale per l’Agenda Verona: Stefano Casali, presidente Agsm Aim, Massimo Nordio, ad dj Volkswagen Group Italia, il sindaco di Verona Federico Sboarina, il questore Ivana Petricca e Giuliano Talò, responsabile direzione Private Banking di Sparkasse-Cassa di Risparmio di Bolzano. Infine la sostenibilità declinata nell’agroalimentare, con la testimonianza di Pierluigi Bolla, ad e presidente di Valdo Spumanti.

In collaborazione con