Agenda Verona 2022/2030: I GRANDI TEMI E GLI OBIETTIVI

10 dic 2021

Entra nel vivo il maxi progetto firmato dal Gruppo Athesis e ispirato ai 17 obiettivi fissati dall’Onu per il 2030. Sono stati scelti cinque impegni tra i moltissimi presentati su queste pagine dagli stakeholder che hanno risposto alla «call to action» del gruppo Athesis. L’ordine delle priorità in base ai voti raccolti sarà svelato nel corso dell’evento finale Agenda Sostenibilità in diretta streaming del prossimo 15 dicembre alle 17:00.

I GRANDI TEMI

LA QUALITA’ DELL’ARIA

Il miglioramento della qualità dell’aria, soprattutto con l’abbattimento delle polveri sottili, è lo scopo delle giornate ecologiche a Verona e provincia.

L’INDUSTRIA SOSTENIBILE

Un’industria amica dell’ambiente. Molte imprese sono già su questa via. Servono politiche che sostengano il cambiamento senza penalizzare il lavoro.

LA PARITA’ DI GENERE

Amministratori, parlamentari e associazioni di categoria hanno avviato i protocolli per combattere la discriminazione di genere in ambito lavorativo.

UNA NUOVA MOBILITA’

In attesa del filobus Verona prepara un salto nel futuro con un progetto di una mobilità green che va allargato, dalle piste ciclabili ai bus elettrici.

INVESTIMENTI “GREEN”

Le imprese hanno intrapreso un percorso in vista del regolamento europeo che dall’anno prossimo

sottoporrà al giudizio di sostenibilità gli investimenti.

 

GLI OBIETTIVI

1) CASSONETTI«INTELLIGENTI» 

​L’Amia ha deciso di investire 13 milioni di euro per completare il sistema di raccolta mista con cassonetti ad accesso controllato entro il 2022. Verona è capofila in questa iniziativa che guarda con grande sensibilità alla tutela ambientale e alla sostenibilità. Un progetto che sfrutta al massimo la tecnologia senza tralasciare un altro aspetto fondamentale, quello della sicurezza, in accordo con l’amministrazione comunale, l’accesso si può controllare tramite una tessera o una app sul telefonino.

2) RIGENERARE LA CITTA’
L’amministrazione comunale di Verona punta a recuperare molti spazi degradati del territorio – ex manifatture tabacchi accanto alla fiera, ex sede della Croce Verde a Borgo Venezia, area Couver in zona Croce Bianca, solo per fare alcuni esempi -  da destinare ai servizi fondamentali per la vita di ogni giorno. Si prevedono conversioni senza nuovo consumo del suolo. Questi progetti sono stati inseriti nella Variante urbanistica 29, un piano di 45 progetti edilizi già adottato dal Consiglio e ora da approvare.

3) BUS ELETTRICI
L’Atv farà partire entro la fine del 2021 la prima linea di autobus elettrici sul servizio urbano della città e nel 2022 mezzi nella tratta extra urbana in primo luogo verso Legnago. Oggi Atv gestisce il 97 per cento dei chilometri del servizio urbano con autobus a metano e ha già iniziato una nuova acquisizione di mezzi a gas per introdurre la metanizzazione. Una scelta per riuscire poi a preparare un grande progetto di economia circolare per produrre, attraverso dei partner, il biogas dai rifiuti e quindi alimentare così la flotta extraurbana.

4) IL RISPARMIO IDRICO
Gli obiettivi sostenibili di Acque Veronesi? La digitalizzazione delle reti idriche attraverso sistemi di misura e appositi software con un piano che avrà inizio nel 2022. Così si potranno avere reti intelligenti, distrettualizzate e interconnesse tra di loro. Il risultato finale avrà un doppio beneficio che si tradurrà sia in termini di servizio che di minor perdite. Questo consentirà ad Acque Veronesi di offrire un miglior servizio riducendo non solo i consumi ma anche le perdite idriche.

5) LE FONTI RINNOVABILI
Agsm Aim ha già approvato un piano di investimenti di 140 milioni di euro per raggiungere l'obiettivo di produrre il 60 per cento nel 2024 di energia da fonti rinnovabili per la fornitura dei Clienti Agsm Aim nel territorio di Verona e Vicenza, ma anche nelle altre zone coperte dal servizio. Uno degli assi della crescita dei prossimi anni per il Gruppo è il rafforzamento della vocazione green con il 100 per cento degli investimenti nella generazione da fonti rinnovabili, lo sviluppo dell’economia circolare e l’estensione delle reti di teleriscaldamento.

Un progetto di
Main partner
Partner
Media Partner